Tufello, controllo antidroga portano ad arresto

polizia-statoContinuano senza sosta i controlli antidroga della Polizia di Stato nella zona del Tufello. Dopo i numerosi arresti effettuati di recente, un altro pusher è finito nella rete degli uomini del Commissariato Fidene – Serpentara. Nella giornata di ieri, agenti della squadra investigativa, transitando in via Monte Cervialto, hanno notato un uomo ed una donna a bordo di un’autovettura che, avendo intuito di essere stati attenzionati dai poliziotti, hanno cercato di destreggiarsi nel traffico, probabilmente con l’intento di dileguarsi, ma sono stati bloccati. Da subito la coppia si è dimostrata poco collaborativa anzi,
evidenziando lo stato di gravidanza della donna, i due hanno cercato di impressionare gli agenti parlando delle conseguenze che la stessa avrebbe potuto avere a causa dello stato di agitazione prodotta dal controllo. I poliziotti hanno, però, continuato nel loro lavoro rinvenendo, indosso all’uomo, un involucro contenente oltre 50 grammi di cocaina. Per P.D., pertanto, 24 anni, di Roma, sono scattate le manette. Detenzione di sostanze stupefacenti al fine di spaccio il reato da cui dovrà difendersi.

Tufello, smantellata banda dedita allo spaccio nel quartiere

spaccio-tufelloA deficiente…ma non lo vedi che c’è la Polizia!!!“. E’ stata questa la frase, pronunciata nei confronti di un
“cliente” distratto che, non accorgendosi della presenza dei poliziotti, aveva chiesto la droga ad uno degli arrestati, proprio mentre era in corso un’operazione della Polizia di Stato nella zona del Tufello. A smantellare la base di spaccio con tanto di vedette pronte a dare l’allarme, operante nel quadrilatero compreso tra via Monte Epomeo, via Monte Petrella, via Monte Massico e via Tonale, sono stati gli agenti del Commissariato Fidene – Serpentara, diretto dal dott. Francesco Bova. Nonostante i diversi arresti operati in passato nella zona, recentemente la piazza di spaccio era stata riattivata ed il via vai di tossicodipendenti non era sfuggito agli agenti della Polizia di Stato. Sono iniziati così i servizi di appostamento, attivati nonostante le difficoltà di operare in un quartiere ad alta densità abitativa. Nel pomeriggio di ieri, gli investigatori hanno notato uno dei sospettati, fermo in strada, scambiarsi cenni d’intesa con altre tre persone, che subito dopo si sono dirette verso i giardini di uno degli stabili di via Taburno, dove hanno sollevato un tombino occultando un involucro. Immediato è scattato il blitz e nonostante la “sentinella”, ovvero il giovane rimasto all’esterno, si sia messa a correre per avvisare i complici, i poliziotti sono riusciti a bloccare ed arrestare tutti i presenti. M.S., di 50 anni, L.A., 23 anni, B.T., 26 anni, Q.V., 41 anni, tutti romani, sono stati arrestati per rispondere di concorso nella detenzione ai fini di spaccio. L’involucro poco prima nascosto, infatti, è risultato contenere 51 dosi di cocaina pronte per lo spaccio, per un peso di circa 20 grammi.

Tufello, tombini e fontanella chiusi a via Capraia

fontanella-tufelloLa segnalazione di un residente del quartiere Tufello, che scrive sui social: “da quando hanno fatto i lavori, hanno chiuso i tombini e la fontanella non funziona tra via Capraia e via Monte Massico“.

Scuola, quer pasticciaccio brutto dei locali del Giordano Bruno

brunoIl primo giorno di scuola per alunni, docenti e genitori del Giordano Bruno di via della Bufalotta 594 si è trasformato in un vero e proprio incubo. Alcuni studenti, preavvertiti sul web con 48 ore di anticipo, hanno così appreso la notizia di dover passare il nuovo anno scolastico in una sede nel cuore del Tufello, con i primi mesi di transizione previsti nelle aule di via della Cecchina. Una sopresa annunciata, per la verità, derivante dalla cattiva gestione della dirigente scolastica dello scorso anno, che aveva iscritto nella scuola più studenti di quanti la struttura ne avrebbe potuti ospitare, violando quanto previsto dalla circolare della città metropolitana. A preoccupare le famiglie e gli studenti, oltre ovviamente alle questioni di logistica e trasporto, è la mancata garanzia della continuità dell’offerta formativa.

[Read more…]

Val Melaina, allagamenti e cassonetti ribaltati

cassonetti-diveltiAllagamenti e cassonetti ribaltati in zona Vale Melaina sono state le conseguenze del nubifragio, che ieri pomeriggio si è abbattuto su Roma. Sono molteplici le segnalazioni di commercianti e cittadini, che lamentano l’allagamento di negozi e sotto scala. Diversi cassonetti dei rifiuti si sono ribaltati, trascinati dall’acqua. Acqua alta anche in via dei Prati Fiscali e nel quartiere Valli. L’assessore all’ambiente del III municipio Domenico D’Orazio tranquillizza subito dopo il nubigrafio: “sopralluogo effettuato, a seguito del violento nubifragio, nelle zone più critiche non ha di fatto evidenziato nessuna criticità ad accezione di Val Melaina cronico punto da sempre.

[Read more…]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: