III Municipio, un laboratorio di start up di imprese creative

marcigliana-ospedaleL’ex ospedale geriatrico di via della Marcigliana è una struttura che fu edificata presumibilmente nel lontano 1933, grazie all’intervento dell’allora Senatore della Repubblica Carlo Scotti (1863-1940), per ospitare al suo interno un orfanotrofio femminile gestito dalle suore della Carità. In seguito nei primi anni ’70 del secolo scorso, fu convertito in istituto geriatrico e infine dismesso agli inizi degli anni ’90. Attualmente è di proprietà della Asl Roma A. Da allora l’affascinante struttura novecentesca, che versa in uno stato di colpevole abbandono, potrebbe essere recuperata per accogliere al suo interno una Factory di imprese “creative”: arti visive, design, architettura del paesaggio, imprese che si occupano di sviluppare le fonti rinnovabili e le nuove tecnologie. E’ la proposta del coordinamento Rete Ecologica Roma Montesacro, nell’ambito del progetto “Marcigliana in rete” (www.marciglianainrete.it). Inoltre, la struttura si presta ad ospitare un ostello, una “vetrina” dei prodotti agroalimentari forniti dalle aziende agricole presenti all’interno della Riserva, un museo etnografico e della bonifica agraria della Marcigliana, con sala congressi, ristorante e caffetteria.

La formula che si intende adottare é quella già sperimentata a Ferrara, nell’ex caserma dei Vigili del Fuoco denominata “Spazio Grisù”, dove gli spazi della struttura dismessa, sono stati affidati con bando pubblico, in comodato precario di 5 anni, ad imprese con obbligo di ristrutturazione dei locali assegnati. Concedere a giovani imprese l’opportunità di avviare progetti all’interno di un polo attrattivo creato ad hoc, richiamerebbe l’interesse di soggetti come università ed imprese nazionali ed internazionali. Uno spazio fucina di eccellenze, cantiere permanente di innovazioni, che potrebbe dialogare proficuamente con il territorio del Municipio. Un esempio di binomio cultura/sviluppo e recupero architettonico identitario della Marcigliana fondamentale per il concetto di rigenerazione urbana che il Coordinamento intende sviluppare.

Coordinamento Rete Ecologica Roma Montesacro

Annunci

Cinquina, Leoncini-Dionisi: “ultimati lavori parco via Tor San Giovanni”

parco tor san giovanni“Sono stati ultimati i lavori di realizzazione di un nuovo parco in via di Tor S. Giovanni a Cinquina, circa 5000 metri quadrati di verde provvisti di area giochi ed area cani che, una volta aperti e resi fruibili al pubblico, andranno ad aumentare l’offerta di verde attrezzato per gli abitanti di questo quadrante periferico del III Municipio, oltre al Parco di via Serassi inaugurato dall’amministrazione guidata da Paolo Marchionne l’estate scorsa”. Lo comunicano in una nota congiunta i Consiglieri Francesca Leoncini e Fabio Dionisi, rispettivamente Presidenti delle Commissioni Ambiente ed Urbanistica e Lavori Pubblici e Mobilità del III Municipio di Roma Montesacro. “Inoltre in questi giorni – concludono – sono stati avviati i lavori di modifica all’impianto semaforico di via di Tor S. Giovanni che regolerà l’immissione nella nuova strada dove si trovano i giardini del parco”.

Cinquina, inaugurati nuovi locali per il centro anziani

centro anziani cinquinaDove prima c’erano i cassoni d’amianto per l’acqua, oggi c’è la nuova sala dedicata all’informatica, al gioco delle carte e per guardare la televisione del Centro Anziani Cinquina. Inaugurati oggi i nuovi locali, dopo i lavori di bonifica avviati l’estate scorsa, alla presenza dell’assessore capitolino ai servizi sociali Rita Cutini, del Presidente Paolo Marchionne, gli assessori Eleonora Di Maggio e Gianna Le Donne. Presenti molti cittadini del quartiere e numerosi iscritti del centro anziani.

Degrado, marciapiedi ricoperti di erbacce in stato di abbandono

Digital CameraSono numerose le segnalazioni dei cittadini che chiedono interventi del municipio per ripristinare molti marciapiedi ormai ricoperti di erbacce ed escrementi di cani, che si aggiungono ai sacchetti di rifiuti lasciati per la strada. I casi più eclatanti sono quelli di via Cinigiano a Nuovo Salario, di via Vincenzo Marmorale e via Emilio Teza a Cinquina. Sotto accusa l’Ama colpevole secondo i cittadini di lasciare abbandonate molte strade del municipio e di concentrarsi soltanto su alcuni quartieri. Una situazione di degrado che rende i marciapiedi inutilizzabili. A complicare la situazione, poi, ci si sono messi anche quelli che si occupano del rifacimento delle strade e dei marciapiedi, che in via Val di Lanzo hanno lasciato sul marciapiede i resti di catrame di un’intervento di tamponatura di una buca.

Cinquina, vendevano droga ai giardinetti di via Teza

via tezaI Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia Roma Cassia hanno arrestato due romani di 20 e 25 anni che spacciavano nel complesso delle case popolari di Borgata Cinquina di via Emilio Teza 20. I militari dell’Arma a seguito di una breve attività d’indagine, con servizi di appostamento e pedinamento, hanno accertato che i due giovani svolgevano l’attività di spaccio in maniera tanto efficiente ed organizzata quanto sfacciata. Il più grande riceveva i clienti all’interno dei giardini pubblici del complesso residenziale, dove aveva allestito un banchetto per la vendita, armato anche di mazza da baseball, nascosta sotto di esso per difendersi da eventuali malintenzionati.

[Read more…]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: