TMB Salario, i comitati presentano le proposte all’Assessore Muraro. Previsto a breve il sopralluogo nella struttura con il Presidente della Commissione Ambiente Diaco


Impianto AMA SalarioI rappresentanti dei Comitati di quartiere, che si battono dal 2011 per la chiusura dell’impianto AMA Salario, nel pomeriggio di ieri hanno incontrato l’Assessore Paola Muraro, il Presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco, la Presidente del III Municipio Roberta Capoccioni e l’Assessore municipale Domenico D’Orazio presso il dipartimento per la Tutela dell’Ambiente del Comune di Roma a Porta Metronia. I cittadini hanno presentato le due proposte, votate durante l’assemblea pubblica del 28 settembre a Largo Labia, per la chiusura del TMB e la riconversione del sito AMA di Via Salaria 981. Le due lettere sono state protocollate e consegnate all’Assessore Muraro, al Presidente Diaco e alla Presidente Roberta Capoccioni.

Le due proposte  presentate dai cittadini

La prima proposta prevede “di destinare l’area di proprietà AMA di Via Salaria 981 ad Uffici Ama o ad Uffici della Municipalità con relativo parcheggio per i dipendenti o di affittare ad aziende private il terreno per poter insediare attività di servizi”.  (clicca qui per leggere la proposta 1)

La seconda proposta prevede di destinare parte del sito AMA  ad Uffici o ad attività di servizi e parte ad un Centro di Raccolta ‘Configurazione minima – rifiuti domestici”  costituito da cassoni scarrabili destinati a ricevere rifiuti non pericolosi di provenienza domestica.  “A tal proposito – si precisa nel documento – si dichiara che la cittadinanza non accetterà la trasformazione dell’isola ecologica minima in altra destinazione d’uso che preveda rifiuti pericolosi, organici o tossici e il  trattamento di qualsiasi materiale.” (clicca qui per leggere la proposta 2)

La risposta dell’Assessore Muraro

L’Assessore Muraro durante l’incontro ha ribadito di voler cercare una soluzione condivisa con il territorio ma che la prima proposta per lei era difficilmente condivisibile e che per la seconda sarebbe stato utile ampliare l’isola ecologica minima con la selezione del multimateriale (carta, plastica e vetro). I rappresentanti dei cittadini, forti del mandato ricevuto durante l’assemblea a Largo Labia che prevedeva che non si andasse oltre l’accettazione dell’isola ecologica minima, non si sono mostrati disponibili alla modifica. L’assessore Muraro ha proposto ai presenti di visitare nelle prossime settimane un centro di selezione di multimateriale per poter meglio valutare la sua offerta.

Secondo l’Assessore da dicembre le 500 tonnellate al giorno dei rifiuti oggetto della trasferenza a Via Salaria 981,   dovrebbero essere portate in treno in Germania grazie al consorzio tedesco che ha vinto la gara d’appalto. Preoccupante la situazione della raccolta differenziata che secondo quanto affermato dalla Presidente Roberta Capoccioni, al momento sembra attestarsi al 20%.

Il presidente Diaco ha fissato con i comitati un sopralluogo della commissione ambiente comunale nel sito AMA di Via Salaria 981 la prossima settimana e un’audizione per la settimana successiva. Preoccupante la situazione della raccolta differenziata che al momento sembra attestarsi al 20%. Al momento non è stato possibile avere una tempistica per la chiusura del TMB e la riconversione del sito AMA e per questo motivo i cittadini hanno chiesto un incontro con la sindaca Virginia Raggi. La presidente Roberta Capoccioni si farà carico di organizzare l’appuntamento.

La replica dei comitati

A margine dell’incontro Sergio Caselli, presidente del Comitato di Quartiere Fidene ha commentato “rimaniamo fiduciosi che da questo nuovo punto di partenza si arrivi ad una conclusione che auspichiamo essere quella desiderata da tutti i cittadini: la chiusura del TMB e la riconversione del sito ad un uso che non arrechi nessun tipo di disagio e disturbo ai residenti e ai lavoratori del territorio”.

In serata l’Assessore Muraro ha commentato sui social “Abbiamo incontrato in assessorato i rappresentanti dei comitati di quartiere, ascoltando le loro istanze riguardo il futuro dell’impianto Tmb Salario, che loro chiedono di chiudere al più presto. Nelle prossime settimane effettueremo, assieme ai comitati, un sopralluogo presso la struttura. E, nei giorni successivi, sarà convocata la Commissione Ambiente per valutare le proposte presentate dalla cittadinanza. Il nostro obiettivo resta la costruzione di una soluzione condivisa con il territorio”.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: