Municipio III, caos nei servizi sociali. Si fermano 4 servizi essenziali. Filini: “M5S irresponsabile”. Proietti: “ottenuta commissione per discutere problema”. Corbucci-Bugli: “ripristino entro il 9 febbraio”


sociale protestaQuattro servizi bloccati in III Municipio dal 31 gennaio. Sono quelli denominati G.I.L., Segretariato sociale, Centro diurno anziani fragili e Spazio incontro, servizi essenziali che il municipio non è più in grado di erogare, nonostantre siano già stati espletati gli avvisi pubblici e si conoscano già le strutture assegnatarie dei servizi. A bloccarli “questioni amministrative” hanno spiegato il presidente del consiglio Riccardo Corbucci e il presidente della commissione servizi sociali Yuri Bugli, che ha convocato per domani alle ore 12 una commissione servizi sociali per esprimere parere su una risoluzione (clicca qui) che impegna il dirigente dei servizi sociali a farli ripartire entro lunedì 9 febbraio. Un atto che potrebbe essere votato in un consiglio municipale straordinario da convocare per giovedì 5 febbraio.

La questione aveva già portato alcuni familiari degli utenti a protestare sotto la sede di Piazza Sempione ieri mattina. Una protesta inizialmente raccolta dal consigliere di Fdi Francesco Filini, che aveva presentato una mozione di consiglio per esprimere solidarietà alle famiglie e chiedere al Presidente del municipio di ripristinare il servizio. Un atto che la conferenza dei capigruppo aveva ritenuto irrilevante, perchè incapace di risolvere la questione e che da solo non avrebbe giustificato la convocazione di un consiglio municipale. Una decisione assunta dalla maggioranza di centrosinistra e dal M5S, che aveva comunque ottenuto la convocazione di una commissione servizi sociali, dove alla presenza dell’assessore competente e del direttore dei servizi sociali, si sarebbe dovuto affrontare la questione nel merito alla presenza dei cittadini. Commissione convocata in effetti per la giornata di domani. A sostegno della decisione della conferenza dei capigruppo, il capogruppo del M5S Simone Proietti ha anche fatto notare l’assenza dei capigruppo delle opposizioni di centrodestra, commentando: “le buone intenzioni, come la mozione di Filini, non sono sufficienti a riparare i danni fatti da questa maggioranza. Per tentare di farlo serve una commissione apposita che discuta seriamente il problema, così da dare l’opportunità ai cittadini interessati di prendere la parola e contestualmente verbalizzare il tutto. Cosa che non può accadere in consiglio”. Alle richieste del M5S hanno risposto oggi proprio Corbucci e Bugli.

“Come richiesto dalla conferenza dei capigruppo ieri ed in collaborazione con il Presidente del Municipio Paolo Marchionne e l’assessore alle politiche sociali Eleonora Di Maggio, abbiamo costruito un percorso istituzionale, che possa portarci giovedì 5 febbraio a votare in consiglio municipale una risuoluzione per far ripartire da lunedì 9 febbraio i servizi denominati G.I.L. Segretariato sociale, Centro diurno anziani fragili e Spazio incontro, che si sono fermati il 31 gennaio per questioni amministrative”.

“Domani mattina alle 12 è stata convocata una commissione servizi sociali, alla quale sono stati invitati il presidente, l’asssessore ed il dirigente della Uosecs, che nella giornata di ieri ha emanato alcune direttive sulla sospensione di servizi essenziali per il territorio, senza tuttavia indicare quando questi ripartiranno”. “La risoluzione, che sarà presentata in commissione e sarà aperta alla firma di tutti i gruppi politici di maggioranza ed opposizione, indica il termine temporale preciso entro il quale far ripartire i servizi e qualora la conferenza dei capigruppo di domani sarà favorevole, verrà messa in discussione in un consiglio straordinario convocato per giovedì 5 febbraio”. “Con questo percorso trasparente, l’amministrazione vuole affrontare una questione così complessa ed importante con la serietà che merita, discutendo sul merito e coinvolgendo tutte le forze politiche che hanno a cuore il ripristinpo di servizi assistenziali fondamentali per i cittadini del municipio” hanno concluso i consiglieri del Pd.

Pronta la replica del M5S. “I servizi sociali in quest’amministrazione hanno avuto moltissimi problemi in massima parte dovuti ai tagli alle risorse disponibili. Per il resto dovuti al pressappochismo dell’assessore alle politiche sociali del municipio Eleonora Di Maggio (Sel), come quando l’emergenza Rom fu tamponata con il loro pernottamento in municipio”.  “Alla luce dei fatti precedentemente citati” conclude Proietti “è stata convocata una commissione riparatrice. Ossia: avendo fatto i danni, il PD e la maggioranza di governo si trovano a dover correre ai ripari. Il M5S ha da subito capito l’importanza del problema e non si è posto come opposizione disfattista e di conseguenza, in capigruppo, ha fatto propria la proposta di convocare una commissione ad hoc per trattare le problematiche in essere con tutte le parti interessate”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: