“Centro di raccolta rom” di Via Salaria, trovati 3 presunti ordigni


ex cartieraDue ordigni falsi e uno vero, tutti risalenti alla II guerra mondiale, contenuti in un borsone verde militare e finiti nei vasconi dei rifiuti all’interno della ex cartiera che ospita il “Centro di raccolta rom” di via Salaria, a Roma. A trovarli è stato uno dei residenti dell’insediamento, dove vivono 380 rom, tra cui circa 200 minori. In seguito alla segnalazione, le forze dell’ordine intervenute sul posto hanno chiuso l’accesso alla porzione di cortile dove sono stati ritrovate le ‘bombe’, che sono state quindi rimosse dagli artificieri dei carabinieri.

Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, il borsone con gli ‘ordigni’, due riproduzioni e uno effettivamente risalente alla II Guerra mondiale, potrebbe essere il frutto di un furto o anche parte del materiale recuperato da qualcuno dei residenti nel centro. Materiale che poi, considerato inutile, è stato buttato nei vasconi dei rifiuti che si trovano all’interno del piazzale recintato della ex cartiera. La ‘bomba’ vera, pur non essendo in grado di esplodere, è stata comunque messa in sicurezza dagli artificieri.

Secondo l’Associazione 21 luglio “I rom che vivono nel centro di via Salaria erano tutti molto spaventati da quanto accaduto. A prescindere dalla veridicità o meno degli ordigni, siamo di fronte a un gesto grave e inaccettabile che sembra assumere i contorni di un crimine motivato dall’odio e volto a creare panico e intimidazione. Auspichiamo una immediata e ferma condanna, da parte delle istituzioni locali e nazionali, rispetto a quanto accaduto questo pomeriggio e rispetto al panico e alla paura che la presenza dei tre presunti ordigni è riuscita a creare soprattutto nelle donne e nei bambini che vivono nel centro di via Salaria – conclude l’Associazione 21 luglio -. È quanto mai opportuno evitare, prodigando ogni sforzo possibile, che la tensione che in questi giorni ha riguardato rifugiati, immigrati e rom nel quartiere di Tor Sapienza si sposti in altre zone della città alimentato da un pericoloso spirito di emulazione”.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: