III municipio, armi, violenza e movida a Montesacro


accoltellato montesacroIl 12 agosto scorso il Presidente del consiglio del III municipio Riccardo Corbucci, residente a Montesacro, aveva lanciato l’allarme. “La movida notturna sta declassando la qualità della vita dei cittadini” aveva scritto dalle pagine del suo blog. Un monito che era stato rilanciato dalle agenzie di stampa e dai social network e che aveva aperto un dibattito fra i cittadini. Residenti che difendevano il proprio diritto alla sicurezza e commercianti, che chiedevano di poter continuare a far crescere la movida montesacrina.

FERITO CON UNA COLTELLATA A PIAZZA SEMPIONE
Nemmeno due giorni dopo, poi, il fattaccio della rissa a Piazza Sempione, davanti la sede del III municipio. Un uomo ferito dalla lama di un coltello, davanti a decine di persone, che la notte frequentano la piazza, fra il bar che fa angolo con via Maiella e il chiosco, punto di riferimento di una parte della movida romana. Era circa l’una quando è scoppiata la lite violenta.

«Ero al chiosco – racconta un ragazzo di 17 anni – quando ho sentito delle grida. È stata questioni di secondi. Ho visto due tre persone scappare a piedi e un uomo che si teneva le mani sulla pancia e sanguinava». In pochi minuti sono arrivati quattro equipaggi delle volanti a sirene spiegati. Dalle auto della polizia sono scesi gli agenti pistola in pugno. Anche un’ambulanza sul posto che ha portato il ferito, un giovane romeno, al Sandro Pertini.

L’uomo non sarebbe in pericolo di vita. La polizia ha identificato due prostitute che hanno assistito al ferimento e possono testimoniare sulla dinamica dell’aggressione. Intanto è polemica nella zona dove si è registrato l’ennesimo fatto violento.

«Qui la notte è da coprifuoco – si sfoga un barista -. Un peccato: nella piazza si riversa tanta gente desiderosa di godere il fresco e divertirsi all’aria aperta. Ma poi accadono questi brutti episodi». Un angolo della piazza, di giorno e di notte, è territorio di alcuni tossicidipendenti che prendono il metadone nel Sert poco distante. «La presenza dei nomadi si è triplicata – commenta un capannello di residenti -. I furti in appartamento sono aumentati in modo esponenziale. Lungo l’Aniene c’è una baraccopoli che mette paura».

L’11 agosto scorso era stato ucciso, in via Arturo Graf, Omar Sodano, 43 anni accoltellato in strada dal cugino con cui condivideva un appartamento.

IN SCOOTER CON LA PISTOLA IN VIA MONTE LEPINI
Come se non bastasse ieri, domenica 17 agosto, due pregiudicati romani sono stati arrestati. Erano a bordo di uno scooter rubato con la pistola sotto la sella. I due viaggiavano a bordo di uno scooter con la targa palesemente contraffatta e con abbigliamento sospetto, indossavano una
tuta cerata, per questo motivo una pattuglia di Carabinieri della Compagnia di Roma Montesacro insospettita gli ha intimato l’alt a cui i due non hanno ottemperato fuggendo.

I militari dopo un lungo inseguimento, durato diversi chilometri e terminato in via dei Monti Lepini, hanno bloccato ed arrestato due cittadini romani di 40 e 48 anni, già noti alle forze dell’ordine, con l’accusa di porto illegale di arma da sparo, resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione e porto di oggetti atti ad offendere.

A seguito della perquisizione personale e veicolare, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una pistola, modello beretta completa di caricatore con 4 cartucce, occultata nel sottosella mentre, il 40enne nelle tasche dei pantaloni nascondeva un coltello a serramanico, l’altro era in possesso della somma di 500 euro in contanti. Lo scooter risultato rubato è stato restituito al proprietario che ne aveva denunciato il furto, lo scorso mese di giugno mentre, la pistola con il coltello ed il denaro contante sono stati sequestrati.

IL SILENZIO DEL PRESIDENTE DEL III MUNICIPIO
Se si fa eccezione per le parole purtroppo profetiche del Presidente del consiglio Riccardo Corbucci, dalla presidenza del III municipio tutto tace. Il presidente del municipio Paolo Marchionne, che pur frequenta il quartiere, non è intervenuto ufficialmente sulla questione. L’ultimo intervento risale al 14 agosto, quando Marchionne scriveva: “ripulito oggi il sagrato della chiesa degli Angeli Custodi, via Alpi Apuane e via Monte Bianco, prese di mira l’altra notte da qualche vandalo e deturpate da scritte e graffiti”. Rimane, quindi ad oggi, solo la proposta di Corbucci, precedente agli episodi: “a settembre ho intenzione di convocare un’assemblea pubblica con i residenti per elaborare, insieme con loro, un piano d’intervento da presentare al consiglio municipale, che preveda la chiusura dei locali entro le 24, un maggiore controllo sulle occupazioni di suolo pubblico e sul rispetto dei limiti per la musica, oltre ad una maggiore presenza dei vigili urbani, per limitare e sanzionare chi crea disagio alla quiete pubblica del quartiere”. Basterà per riportate a Montesacro maggiore sicurezza?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: