Municipio III, maggioranza in fuga su mozione sfiducia Di Maggio. Filini: “assessore di fatto sfiduciata”. Marchionne interviene su lavori pubblici e scuola.


aula vuotaIl consiglio municipale odierno, convocato sulla mozione delle opposizioni per chiedere la sfiducia dell’assessore alle politiche sociali del III municipio Eleonora Di Maggio, avrà uno strascico anche nella giornata di domani. La giornata di oggi è filata via su beghe regolamentari, dopo che la maggioranza aveva presentato una questione pregiudiziale per non discutere l’atto, a detta del Presidente Paolo Marchionne e del direttore del municipio Emanuela Bisanzio non conferme allo Statuto di Roma Capitale.

Polemiche da parte delle opposizioni, che per oltre due ore hanno cercato di far discutere in ogni modo la mozione. Alla fine, tuttavia, è stata proprio la maggioranza ad abbandonare l’aula, durante l’intervento del Presidente Paolo Marchionne, decidendo di fatto di far cadere il numero legale e rimandano a domani la votazione. Secondo il capogruppo di Fdi Francesco Filini: “l’assessore di Sel Eleonora di Maggio è stata di fatto sfiduciata dalla sua stessa maggioranza che, ridotta ai minimi termini e insoddisfatta della gestione degli insediamenti abusivi, ha abbandonato l’aula prima della votazione facendo cadere il numero legale su la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni”. Per il consigliere di opposizione: “non è andata giù la questione dei Rom sgomberati in via Val d’Ala che furono portati dalla Di Maggio nella sede municipale di Piazza Sempione dove rimasero a dormire insieme alla stessa esponente della Giunta Marchionne. Al Presidente, umiliato dai suoi stessi consiglieri che lo hanno addirittura lasciato solo a parlare in aula davanti agli attoniti cittadini presenti, non rimane che raccogliere i cocci della sua maggioranza e indire le consultazioni per l’inevitabile rimpasto di Giunta. Lo invitiamo ad essere celere, i cittadini hanno bisogno di risposre e non possono aspettare le interminabili faide all’interno della maggioranza”. Duro anche il gruppo del Ncd per voce del capogruppo Cristiano Bonelli spiega: “ciò che è successo oggi durante i lavori del consiglio municipale non ha precedenti nella storia di questo Municipio, la maggioranza in affanno ha, seppur indirettamente, sfiduciato il suo Assessore abbandonando l’aula prima della votazione perché numericamente insufficiente. La Mozione di sfiducia nei confronti dell’assessore ai servizi Sociali, presentata dall’opposizione di centrodestra, a seguito della vergognosa vicenda che ha visto ospitare all’interno della sede Istituzionale di Piazza Sempione 39 nomadi appena sgomberati da uno dei tanti accampamenti abusivi presenti nel nostro Municipio, ha mandato in tilt per 3 ore la maggioranza di centrosinistra . Dopo aver provato a non discutere la mozione, con astrusi meccanismi regolamentari, il Presidente del Municipio Marchionne ha preso la parola alla presenza di “nessuno”, causa l’abbandono dell’aula da parte della sua maggioranza. Scene mai viste prima in un’aula consiliare gremita di cittadini increduli. L’ennesima prova di forza andata male alla giunta di sinistracentro che finalmente sembra prendere atto delle ormai evidenti spaccature interne e del fallimentare operato dimostrato fino ad oggi. Domani la seconda puntata di un film tragicomico andato oggi in onda streaming solo grazie agli strumenti personali portati in aula dai consiglieri di opposizione. La maggioranza tutavia fa spallucce. Il Presidente del municipio Paolo Marchionne è uscito nel pomeriggio con due comunicati stampa, snobbando la vicenda della mozione di sfiducia. In uno, insieme con l’assessore capitolino Alessandra Cattoi, commentava l’atto di vandalismo presso l’Istituto comprensivo di via Monte Ruggero. «È gravissimo l’atto di vandalismo perpetrato da tre ragazzi presso l’istituto comprensivo di via Monte Ruggero. Mai più la scuola deve subire queste ferite. A distanza di un anno ci troviamo ad affrontare un’esperienza simile a quella del liceo Socrate e in questo caso, come allora, è necessario uno sforzo comune di tutte le istituzioni perché siano riparati i danni e la scuola sia al più presto ripulita e resa agibile per consentire il regolare rientro di alunne e alunni nel mese di settembre. In questo senso ci impegneremo direttamente, come Comune e come Municipio, per quanto di nostra competenza, per garantire che si compiano al più presto tutti i passi necessari. I responsabili sono stati già denunciati alla giustizia e dovranno pagare per questo gesto sconsiderato. Ma il problema non si esaurisce con la condanna di un giudice. Il loro comportamento va stigmatizzato affinché comprendano la gravità di quanto hanno fatto alla scuola e a tutta la comunità, chiedano scusa e si impegnino anche in prima persona a riparare i danni». Nell’altro con il presidente della commissione lavori pubblici Fabio Dionisi si parlava dei lavori pubblici: «sono partiti questa settimana gli interventi programmati nei mesi scorsi per messa in sicurezza delle strade del III Municipio. È in corso un intervento radicale per il ripristino del manto stradale di via Pantelleria, il cui stato di pericolosità non era sopportabile oltre, mentre dalla prossima settimana interverremo su via Adamello e viale Carnaro, dapprima per la risistemazione del manto stradale e in seguito anche per il completo rifacimento dei marciapiedi, oggi impraticabili per anziani e disabili». È quanto dichiarano, in una nota congiunta, il presidente del III Municipio, Paolo Marchionne e il presidente della Commissione Lavori Pubblici e Mobilità, Fabio Dionisi. «Nei primi giorni di settembre – aggiungono – partiranno gli interventi sul quadrante di Vigne Nuove per la sistemazione di viale Cesco Baseggio, via Giuseppe Imer, via Carlo Bertinazzi e via Amalia Bettini. Ad agosto inoltre terminerà il primo lotto di interventi per l’interramento della linea dell’alta tensione ad opera della società Terna, sgomberando e ripristinando i tratti di strada interessati dai cantieri per gli interventi di scavo in via Nomentana Nuova, via Gargano e viale Adriatico, oltre al ripristino di via della Bufalotta, interessata dagli stessi interventi nelle scorse settimane. Pur con risorse ridotte al minimo non abdichiamo a programmare interventi per la sicurezza del territorio e la manutenzione urbana, una programmazione che è mancata nel corso degli anni e della quale con la fatica di chi non ha risorse immediatamente disponibili, abbiamo ripreso il filo in questo primo anno di mandato».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: