Impianto AMA Salario, i cittadini si coalizzano per essere piu’ forti


Locandina definitivaL’ennesima tegola è caduta sulla testa dei cittadini di Villa Spada e dei quartieri limitrofi all’impianto di Trattamento Meccanico Biologico AMA Salario.

La Commissione Petizioni del Parlamento Europeo ha inviato una lettera al Comitato Spontaneo Cittadini Villa Spada nella quale dice chiaramente che l’indagine è chiusa “Dalle informazioni fornite dalle autorità italiane risulta che gli episodi olfattivi siano limitato nel tempo e siano causati da una combinazione di diversi tipi di emissioni di miasmi generate dall’impianto di trattamento delle acque reflue urbane ACEA, dall’impianto di trattamento meccanico-biologico dei rifiuti AMA di via Salaria e da diverse attività legate alla gestione dei rifiuti e alle operazioni di conferimento in discarica effettuate nella zona.  (…) Alla luce delle considerazioni di cui sopra e tenuto conto delle informazioni fornite dalle autorità italiane, la Commissione non ha riscontrato nel presente caso elementi di violazione della direttiva quadro sui rifiuti (2008/98/CE). La procedura d’indagine EU Pilot avviata per dare seguito alla presente petizione sarà, pertanto chiusa“.

Nel documento si fa riferimento anche al monitoraggio effettuato dall’Istituto Mario Negri, sembra che siano emerse concentrazioni di miasmi molto basse. I cittadini non sono d’accordo, quotidianamente segnalano sulle pagine Facebook e per email il loro disagio e la loro rabbia. La puzza condiziona notevolmente la qualità della loro vita e si sentono presi in giro dalle istituzioni.

I monitoraggi effettuati dall’istituto Mario Negri risalgono agli anni 2010-2011-2012, niente di attuale.

L’AMA commissionò il primo studio ambientale post insediamento al Mario Negri nel 2010, i rilievi furono fatti solo per due giorni, il 12 e il 13 aprile, e l’impianto lavorava a 350 tonnellate al giorno (attualmente ne lavora 750 al giorno).  http://www.amaroma.it/public/files/pdf/impianto-salario/studi-ambientali-analisi-post-insediamento-maggio-2010-TMB-SA.PDF

Nel 2011 l’AMA commissionò uno studio ambientale legato alla qualità dell’aria che prevedeva due campagne di campionamenti. La prima fu fatta dal 19 al 27 ottobre 2011 e la seconda dal 21 al 26 giugno 2012. http://www.amaroma.it/public/files/pdf/impianto-salario/Relazione-ambientale-2012-Impianto-Salario.pdf

I cittadini si chiedono come mai le autorità italiane hanno risposto citando due vecchi studi ambientali commissionati dalla stessa Azienda AMA? e perchè hanno fatto riferimento all’impianto Acea quando in un atto ufficiale del III (allora IV) Municipio datato  6 dicembre 2012 si legge “Il Consiglio del Municipio IV Roma Montesacro  (…) ESPRIME DISSENSO sulle affermazioni di tutte le autorità istituzionali e politiche che fino ad oggi hanno dichiarato che i miasmi non provengono  dall’impianto AMA ma da altre attività presenti in zona (vedi depuratore ACEA)“? https://www.comune.roma.it/PCR/resources/cms/documents/odg_25_2012.pdf

Solo qualche mese fa il sindaco Ignazio Marino aveva rilasciato  ad Andrea Picardi per T9 delle dichiarazioni importanti  “noi sappiamo come sanno tutti coloro che vivono in quell’area di Roma che lì l’odore dell’impianto di Trattamento Meccanico Biologico, rende difficile la qualità di vita delle persone in quell’area di Roma, il fatto che vogliamo realizzare impianti moderni (…….) ci porterà a chiudere almeno un impianto di Trattamento Meccanico Biologico e certamente l’impianto che chiuderemo sarà quello sulla Salaria” http://www.youtube.com/watch?v=8C3ouN6YBUA&feature=youtu.be

A febbraio il Consiglio del Municipio Roma III ha approvato un atto con cui si chiede al sindaco Marino e all’assessore all’Ambiente Estella Marino che “la chiusura dell’impianto TMB Salario avvenga entro e non oltre il 2015” e che “lo stabilimento AMA di via Salaria 981 venga riconvertito ad altro uso: parcheggio automezzi, Uffici, e comunque nulla che arrechi disagio e disturbo ai residenti e ai lavoratori del territorio.”  http://riccardocorbucci.files.wordpress.com/2014/02/o-d-g-n-7-chiusura-ama-salaria.pdf

Completamente diversa la linea del presidente di AMA Daniele Fortini che ad aprile, nel corso di un’intervista all’agenzia Dire, ha dichiarato “Nei TMB abbiamo 20/25% di materiale combustibile per gli inceneritori, 50% di scarto che va in discarica e 25% circa di Fos. Nel processo perdiamo fra il 20 e 25% di peso e massa del rifiuto perché nelle lavorazioni e nella stabilizzazione della frazione organica abbiamo vaporizzazione. Ma noi abbiamo bisogno di un’altra dotazione impiantistica per sostenere la raccolta differenziata e l’obiettivo del recupero di materia, non più i TMB (…) Deve essere Ama a riconvertire alla produzione di CSS (combustibile solido secondario) dall’attuale produzione di CDR (combustibile derivato dal rifiuto) i quattro TMB della Capitale”.

Una situazione estremamente ingarbugliata alla quale i cittadini dei quartieri limitrofi all’impianto AMA Salario hanno deciso di rispondere coalizzandosi ed organizzando la prima di una serie di proteste: “un’assemblea pubblica di protesta apartitica e libera” che avrà luogo oggi  alle ore 18 a Largo Cortona, proprio a pochissimi metri dall’impianto e nel piazzale dove si trova l’asilo.

Per la prima volta sulle loro locandine appare il termine “apartitico”, un segnale chiaro per tutti i politici: residenti e impiegati sono stanchi di parole e di prese in giro. Hanno bisogno di azioni immediate per porre termine ad una situazione invivibile.

 

Annunci

Comments

  1. Anna Maria Gigliozzi says:

    Cosa vuol dire, che tutto sia finito così? E’ possibile che i cittadini debbano essere sempre sconfitti e debbano non solo sopportare ma, pagare profumatamente le bollette AMA? Inoltre, i servizi relativi alla raccolta rifiuti e pulizia strade nel quartiere Fidene, lasciano molto a desiderare! Ci rimettiamo alle Autorità competenti perché si possano risolvere le problematiche della nostra zona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: