Campo Rom di Via Salaria, Bugli (Pd): chiudere la struttura per tutelare residenti e ospiti


yuri bugli “La foto che ritrae bambini intenti a giocare all’interno del campo di Via Salaria 971, a ridosso del Centro AMA, apparsa sul giornale online Lungotevere.net non fa che dimostrare come le preoccupazioni circa le condizioni di vita delle persone ospitate nell’ex-cartiera, da noi più volte denunciate, siano purtroppo fondate” Lo dichiara in una nota Yuri Bugli Presidente della Commissione Politiche Sociali del III Municipio di Roma Capitale.

“Oltre a non rappresentare una reale e duratura soluzione abitativa, l’accampamento, cui non è possibile accedere neppure a noi consiglieri municipali senza un’autorizzazione del competente dipartimento di Roma Capitale, confinante col Tmb dell’Ama, espone donne, uomini e minori agli effluvi derivanti dal trattamento dei rifiuti. “Tale disagio, ben noto ai residenti del quartiere che da anni si battono per la chiusura del Tmb, nel caso degli ospiti del campo si assomma a quello derivante dall’essere costretti a vivere in quel ricovero indecoroso aperto nel 2009 con ordinanza dall’allora Sindaco Alemanno. Per questo In III Municipio ci stiamo battendo per la chiusura dei campi in nome della tutela di quelle persone che ci vivono e di quelle che sono residenti nei quartieri che i campi ospitano. Lo chiediamo a gran voce all’assessore Cutini perché le situazioni in essere sono ormai insostenibili dal punto di vista politico e immorali da quello umano”.

Annunci

Comments

  1. Anna Maria Gigliozzi says:

    OLTRE ALL’INCENERITORE ATTIGUO NOI, ABITANTI DI FIDENE, ABBIAMO IL MERAVIGLIOSO REGALO DAL 2009 DEL CENTRO ROM! LE PROMESSE SONO TANTE MA ALLA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI SEMBRA NON CI SIA ALCUNA RISPOSTA. QUANDO LE VECCHIE AMMINISTRAZIONI PROVOCANO DISAGI AI CITTADINI, NON SAREBBE MALE CHE LE NUOVE POSSANO PROVVEDERE DIVERSAMENTE! NOI RESIDENTI DEL III-IV MUNICIPIO VORREMMO ESSERE CONSIDERATI ALLA STESSA STREGUA DI QUELLI PER I QUALI I PROVVEDIMENTI SONO IMMEDIATI, INCISIVI SOLO PERCHE’ APPARTENGONO AD UN “CERTO CETO SOCIALE”. MA NON SIAMO TUTTI UGUALI?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: