Roma, movimenti per il diritto all’abitare assaltano gli uffici capitolini dei gruppi del Pd e Sel. Solidarietà dal mondo politico. Il Sindaco Marino: “dialogo? Col Prefetto perchè li arresti”


attacco actionDopo le occupazioni di ieri, fra cui quella lampo in via Val d’Ala, nello stesso stabile occupato solo un anno fa da Casapound, oggi è la giornata della reazione violenta dei movimenti per il diritto all’abitare, che assaltano gli uffici comunali di via delle Vergini, dove hanno sede i gruppi del Partito Democratico e di Sinistra, Ecologia e Libertà. L’obiettivo dell’attacco è il capogruppo del Pd Francesco D’Ausilio, che ieri aveva condannato le occupazioni abusive.

Alla fine molti danni e due impiegate che finiscono all’ospedale. Verso una di queste sarebbe stato persino lanciato un estintore. Con questa pagina violenta, sembra chiudersi definitivamente il rapporto fra i centri sociali e il centrosinistra di Ignazio Marino, che dopo aver sentito telefonicamente il premier Matteo Renzi, dichiara lapidario: “con quste persone posso avere un dialogo solo attraverso il prefetto e le forze dell’ordine per farli arrestare”. Un j’accuse che si unisce all’auspicio per “punizioni severe” per i responsabili, molti dei quali fermati in piazza dalle forze dell’ordine, intervenute per sedare l’attacco.

Moltissimi i commenti del mondo politico. “Nessuna questione sociale può giustificare minacce, danneggiamenti e aggressioni a lavoratori, persone che vivono del loro salario. Non può essere questa la modalità di rapportarsi con istituzioni e forze politiche. Esprimo dunque tutta la mia solidarietà a consiglieri e dipendenti vittime dell’irruzione squadrista alla sede dei gruppi consiliari” le parole durissime di Massimiliano Smeriglio, vicepresidente di Sel alla Regione Lazio. Anche il vicesindaco Luigi Nieri di Sel parla di “aggressione squadrista gravissima e inaccettabile”. Fabrizio Ghera di Fdi esprime solidarietà al Pd e spiega: “è da condannare con grande fermezza il blitz di stamane, all’interno della sede del Pd in via delle Vergini, da parte dei movimenti della Casa. Come Fratelli d’Italia da sempre denunciamo lo ‘sport’ degli occupanti, illegittimo e inaccettabile, e addirittura oltre alle occupazioni illegali adesso si passa anche agli attacchi organizzati”. «Il vergognoso episodio di aggressione contro la sede del gruppo consiliare Pd di Via delle Vergini, con violenze e intimidazioni ai danni dei dipendenti e devastazioni degli uffici, rende necessario e opportuno ribadire con grande forza che tutto il Pd capitolino approva, condivide e sostiene appieno le posizioni inerenti la casa e il metodo delle occupazioni espresse ieri dal Capogruppo Francesco D’Ausilio, al quale va la nostra solidarietà e vicinanza» la dichiarazione in una nota di Fabrizio Panecaldo, coordinatore della maggioranza in Campidoglio.

La replica dei Movimenti è affidata ad un comunicato stampa che spiega il blitz di questa mattina: “i movimenti per il diritto all’abitare, contro la precarietà e l’austerity questa mattina sono entrati nella sede dei gruppi consiliari del Comune in via delle Vergini con l’obiettivo di tenere una conferenza stampa sugli sgomberi avvenuti nella giornata di ieri. L’iniziativa si era decisa per denunciare la gestione repressiva delle forze dell’ordine che oltre a mettere uomini e donne per la strada aveva avuto caratteristiche coercitive forti, soprattutto nei confronti degli studenti e delle studentesse. Le dichiarazioni del capogruppo del PD D’Ausilio, che attaccando le occupazioni preferisce chiudere gli occhi davanti ad un’emergenza abitativa galoppante, resa ancor più incontrollata dalle nuove disposizioni previste dall’art. 5 del decreto Lupi, denominato in modo fuorviante ‘piano casà, dovevano essere oggetto della conferenza stampa che purtroppo non si è mai svolta”. Una nota dei Blocchi precari metropolitani che non recede nemmeno di un metro dall’azione compiuta e condannata da tutte le forze politiche.

«L’atteggiamento del gruppo PD che ha deciso di barricarsi all’interno delle proprie stanze non ha sicuramente favorito la già difficile interlocuzione – continua la nota – Un modo di agire che non ha tenuto conto della rabbia accumulata nella giornata di ieri e della mediazione messa in campo dagli uscieri in servizio a via delle Vergini” continuano i centri sociali, ai quali risponde il consigliere capitolino, proveniente dal III Municipio, Marco Palumbo (Pd): “questi sono i democratici di Action… vorrei dire alle agenzie che i consiglieri, o almeno il sottoscritto, non erano chiusi nelle stanze, semplicemente per la gran parte stavano in Commissione. Peccato non essere presente alla gazzarra inscenata da questi fascistelli…”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: