Roma, Dal Campidoglio contributi alle famiglie colpite dall’alluvione


07-roma-prima-porta-allagata-alluvione-31-gen-2014-620x350 La Giunta Capitolina, nella seduta del 12 febbraio scorso, ha deliberato la concessione di un contributo urgente alle famiglie particolarmente colpite dagli eventi alluvionali del 30-31 gennaio.

Si tratta di una somma unitaria di 1.700 euro a famiglia, sino a esaurimento dell’importo di 1.500.000 euro complessivamente messo a disposizione dall’amministrazione.

Il contributo è riservato a chi risiede ed è domiciliato (ma anche solo a chi è domiciliato) in un immobile danneggiato dagli eventi alluvionali e possieda un indicatore ISEE non superiore ai 30.000 euro.

Il diritto ai contributi è riconosciuto alle famiglie che risiedono nelle zone colpite, secondo una lista di vie compilata grazie alle segnalazioni della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Locale di Roma Capitale e dei tecnici dell’amministrazione capitolina.

Per accedervi sarà indispensabile rispondere al bando di Roma Capitale e presentare, entro 15 giorni dalla sua pubblicazione, domanda presso i Municipi, mediante un modulo scaricabile anche dal sito www.comune.roma.it. Ciò consentirà di ottenere un punteggio stilato in base alla gravità del danno subito e alle condizioni soggettive della famiglia richiedente (reddito su base ISEE).

Tra tutti coloro che presenteranno la domanda presso i Municipi si compilerà successivamente, a cura del Gabinetto del Sindaco, una graduatoria su base cittadina.

Il contributo verrà concesso seguendo l’ordine di graduatoria, sino a esaurimento finale dello stanziamento concesso. In caso di parità, varrà la presenza in famiglia di ultra sessantacinquenni e, in seconda battuta, l’ordine di presentazione delle domande. In ogni caso, l’amministrazione si riserva di effettuare liberamente controlli per verificare la veridicità delle dichiarazioni presentate. Così come si avvarrà della Guardia di Finanza per avviare, se servisse, degli accertamenti specifici.

Il contributo non è un risarcimento del danno, questa avverrà successivamente con procedure diverse. Si tratta semplicemente di un aiuto a ‘ripartire’, di una spinta a ‘ricominciare’, dopo il duro colpo inferto dall’alluvione. Una somma che consentirà di risalire la china dell’emergenza, secondo i principi di solidarietà e di cura comunitaria. I tempi saranno i più brevi possibili, anche perché l’emergenza richiede celerità di soluzioni. L’erogazione della somma avverrà, infine, a cura dei Municipi.

 

(Fonte: Roma Capitale)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: