Partito Democratico, trionfa Matteo Renzi ed in III municipio emerge il gruppo dirigente renziano


imageMeglio di Matteo Renzi ci sono solo i Renziani. Della prima ora, di quelli che spingono il carro, di quelli che sul carro ci sono saliti anche perché tanti ne hanno dovuti spingere in passato, dei semplici iscritti e militanti fino a ieri sparuta minoranza nei circoli democratici, dei simpatizzanti e dei volontari dei gazebo, che a stento trattenevano lacrime e sorrisi davanti alle centinaia di schede a favore del Sindaco. Un risultato enorme, anche a Roma e nel III municipio, dove gli uomini e le donne che sostenevano Matteo Renzi avevano sofferto il voto organizzato in favore di Cuperlo nella prima fase del congresso democratico, quella dedicata agli iscritti.

Insieme con la vittoria di Matteo Renzi si profila anche un nuovo gruppo dirigente per il municipio, molto diverso da quello rappresentato dal segretario uscente Vittorio Pietrosante e dal presidente del partito Claudio Ricozzi, entrambi impegnati ai seggi per Cuperlo. Attualmente ancora minoritario visto che sul candidato vicino a Massimo D’Alema convergevano anche le simpatie dei consiglieri municipali Francesca Leoncini (già coordinatrice del circolo Talenti), Yuri Bugli (già coordinatore del circolo Tufello), Romolo Moriconi (già coordinatore del circolo Fidene), Anna Punzo, Fabio Dionisi, Francesco Coronidi, dei consiglieri comunali Marco Palumbo e Mirko Coratti e della segretaria storica del circolo Montesacro Luisa Palumbo, nel cui circolo “rosso” Renzi ha vinto con il 50,48% dei votanti. A sostegno di Cuperlo c’erano anche il Presidente del municipio Paolo Marchionne e gli assessori municipali Federica Rampini e Pierluigi Sernaglia. Dall’altra parte la pattuglia dei Renziani, fra vecchi e nuovi innesti. Ci sono quelli della prima ora come Silvia Di Stefano, l’unica che nelle primarie del 2012 in III municipio aveva sostenuto il Sindaco rottamatore e fondatrice dell’associazione Adesso Roma 3 insieme con Carlo D’Aloisio, ideologo del movimento Renziano del III municipio iscritto al circolo pd Talenti ed Alessandro Danè, iscritto del circolo Giovanna Marturano del Nuovo Salario. C’è la neo eletta consigliera municipale Marzia Maccaroni, delegata alla convenzione provinciale, che Renzi l’ha sempre sostenuto anche quando non era stata ancora eletta a Piazza Sempione e che rappresenta già un esempio di rinnovamento dell’amministrazione. Il giornalista locale di roma2013 Enrico Pazzi, che aveva rifiutato una proposta di candidatura all’assemblea nazionale per difendere i comitati renziani territoriali. Ci sono Simona Bazzoni, unica donna del III municipio eletta all’assemblea nazionale, Pinuccia Cazzaniga e Roberto Mastrofilippo, tutti iscritti al circolo Pd di Montesacro. Davide La Greca responsabile organizzazione al circolo Nuovo Salario, Ermanno Righetti, delegato alla convenzione provinciale del circolo Pd Giovanna Marturano. E ancora Maurizio Procaccini e Flora Carlucci, iscritti on-line ed inviati dal partito nella sede “fantasma” di Vigne Nuove, dove avranno l’arduo compito di materializzare la sede virtuale del circolo. Ci sono Domenica Vignaroli e Aldo Pellegrini che a Settebagni sono renziani da sempre e che hanno sempre combattuto per avere il gazebo nel loro quartiere di periferia. Spazio anche ai più giovani come Luca Morviducci, rappresentante al seggio di via Cinigiano, Silvia Giamogante, renziana doc della prima ora di Colle Salario e Lorenzo Carmignani, studente della Luiss, pronto a dare forza ai giovani democratici di Montesacro. Insieme con loro anche figure più conosciute del III municipio, che hanno sostenuto Matteo Renzi pur avendo in passato votato alle primarie per il premier Pierluigi Bersani. Fabrizio Panecaldo, consigliere comunale eletto all’assemblea nazionale del Pd e Riccardo Corbucci, presidente del consiglio del III municipio, uno che è stato due volte alla Leopolda di Firenze e che era seduto in prima fila all’auditorium della conciliazione. Entrambi fuori dagli incarichi del partito cittadino e locale. Con Renzi si è schierata anche Paola Ilari, già vicesegretario del Pd e candidata alle scorse elezioni comunali senza risultare fra le elette. Ancora Angelo Massacci, consigliere municipale del Pd del quartiere Fidene-Villa Spada. La sfida più importante per Matteo Renzi inizia adesso. Dovrà ricostruire il partito nazionale e quello dei territori. Aprire e rinnovare la classe dirigente come ha promesso da due anni a questa parte. Dovrà farlo tuttavia anche in territori dove i gruppi dirigenti e gli amministratori locali non hanno votato per lui. Più di due milioni di persone gli hanno voluto dare il potere di cambiare l’attuale gruppo dirigente del Partito Democratico, come anche lui ha dichiarato nel discorso della vittoria. Dalle sue scelte future dipenderà molto del futuro del Partito Democratico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: