Nasce l’ufficio capitolino per i finanziamenti UE


zingaretti-marinoSiglato, nella Sala delle Bandiere del Campidoglio, dal sindaco Ignazio Marino e dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti il Protocollo di intesa per la gestione dei fondi strutturali europei. L’impiego più razionale e trasparente delle risorse comunitarie mira alla crescita economica e al rilancio del sistema produttivo romano in ambito internazionale.

Alla firma del protocollo erano presenti i ministri Carlo Trigilia (Coesione territoriale) e Graziano Delrio (Affari Regionali e autonomie).

L’intesa prevede la costituzione di una cabina di regia – a costo zero per i due Enti – denominata CREA (Comune Regione Europa Assieme), composta da quattordici membri, sette designati da Regione Lazio e sette da Roma Capitale, per la gestione coordinata dei progetti europei.

Nel frattempo, Roma Capitale ha istituito un proprio ufficio, coordinato dall’assessore Alessandra Cattoi che ha la delega per le relazioni con l’Unione Europea, con il compito di seguire concretamente i progetti europei dell’amministrazione capitolina, affiancando assessorati, dipartimenti e municipi nell’intero iter, dall’individuazione dei fondi alle procedure di accesso e alla rendicontazione. L’ufficio è interamente composto da personale capitolino appositamente selezionato in base alla specifica formazione e alle precedenti esperienze nel campo dei fondi comunitari e guidato da Sandro Gozi, presidente della delegazione Italiana presso l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa che mette a disposizione le sue competenze a titolo gratuito.

fondieuropei
I ministri Trigilia e Delrio, il sindaco Marino, il pres.Regione Lazio Zingaretti, l’assessore Cattoi

Il protocollo anticipa poi la presenza stabile di Roma Capitale nell’ufficio di rappresentanza della Regione Lazio a Bruxelles. In questo modo – ha sottolineato il sindaco Marino – “la sinergia tra Regione e Comune moltiplica la sua efficacia nella relazione diretta con l’Europa, consentendo a Roma di “arrivare preparata ad appuntamenti fondamentali come Europe 20 20 20”, il piano europeo per la green economy.
Ambiziosi gli obiettivi a breve termine dei due enti territoriali: accedere, entro la fine dell’anno, ai fondi stanziati per i progetti già avviati nel periodo 2007-2013; utilizzare efficacemente i fondi previsti nella programmazione 2014-2020, presentando nuovi progetti in settori strategici per la Capitale, come mobilità, ambiente e raccolta differenziata, edilizia scolastica e innovazione tecnologica nelle scuole, valorizzazione del patrimonio storico, artistico e archeologico. Le previsioni parlano di cifre significative: 3 miliardi di euro alla Regione Lazio nella tornata di finanziamenti 2014-2020, il 40% in più rispetto al precedente periodo.

“Roma deve cambiare passo nei rapporti con l’Europa” ha affermato Marino, illustrando i contenuti del protocollo. “Altre capitali europee – ha proseguito – già da anni si sono dotate di unità strategiche per attrarre fondi comunitari, e non solo città come Parigi, Berlino e Londra: Sofia, capitale della Bulgaria, entrata in Europa nel 2007, ha già utilizzato 1,5 miliardi di fondi e ha in cantiere 168 progetti”.
Le grandi capitali, del resto, stanno vedendo crescere il loro ruolo di volano dell’economia dei rispettivi paesi: è nelle grandi città – hanno sottolineato i ministri Trigilia e Delrio – che si concentrano in larga misura l’economia del sapere e l’industria culturale, ambedue premessa di innovazione e sviluppo.

(Fonte: Roma Capitale)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: